La bio-architettura è un fatto tecnico o spirituale?

copertina-libro

Breve introduzione

Il tema della bio-edilizia è vasto, non limitandosi ad un semplice concetto di “casa”, ma riguarda l’intero sistema insediativo umano, coinvolgendo urbanistica, fonti energetiche, recupero ed utilizzo dei rifiuti, eccetera.
Personalmente ritengo che tutto ciò che è diventato di attualità con il prefisso “bio”, non solo riferito all’edilizia, ma anche alle colture, agli alimenti, ai cosmetici e così via, sia semplicemente la scoperta del desiderio di un ritorno ad un vivere “normale”, un po’ la scoperta dell’acqua calda, ma ben venga, non è mai troppo tardi per rinsavire, dopo un’ubriacatura di “non-bio” che ha rischiato di travolgerci e comunque ci è costata cara, in termini di qualità della vita.
Aggiungo, come ultima breve considerazione di questa premessa, che siamo ormai ad un passo dall’avvento della società “post-carbon”, ovvero del momento in cui estrarre un barile di petrolio dal sottosuolo costerà più del barile stesso, e dunque l’uso delle fonti energetiche fossili non sarà più conveniente, quindi pensare in termini “bio”, ove ciò significhi pensare in termini di consumo, sì, ma non di spreco, diverrà non solo utile e corretto, ma anche indispensabile.
L’argomento, in questo testo, viene trattato in modo filosofico-morale, senza statistiche, percentuali ed inquadramenti “scientifici” in genere.
La narrazione non si limita al costruito, ma considera l’ambiente nel suo complesso, e soprattutto analizza la compatibilità tra ciò che è comunemente definito “naturale”, e ciò che è “artificiale”, partendo tuttavia dal principio che di veramente artificiale non esiste nulla, nemmeno il petrolio, che è il residuo di organismi fossili, o il cemento, che è pietra ricostruita, derivante da argille.
Lo scopo è dare un quadro di possibile convivenza felice tra attività umane ed ambiente costituito da elementi naturali, vegetali e specie animali.
Da questo quadro emerge l’assoluta necessità di intervenire con urgenza sulle “imposizioni” dettate dall’attività umana, che, seguendo l’attuale indirizzo, portano verso danni incalcolabili.

amazon-logo_black